LACCETTO E CORDINA

Laccetto_e_cordina_GUIDA.qxp_Layout 1 20/04/22 08:29 Pagina 8 LA METODOLOGIA Spieghiamo quindi la corretta postura seduta al bambino, invitandolo a occupare il centro della sedia, tenendo i piedi ben poggiati a terra, con il busto eretto e leggermente inclinato in avanti, le spalle rilassate, entrambi i gomiti sul tavolo e la mano che non scrive appoggiata aperta e in basso sul foglio. A questo punto dobbiamo insegnare la corretta presa a tre dita (o «a pinza ) dello strumento grafico, che deve essere impugnato tra pollice e indice, appoggiandosi sul medio. Questo tipo di impugnatura richiede che il bambino abbia rafforzato i muscoli della mano e sviluppato la dissociazione e il controllo delle dita, e più in generale che sia stato allenato all uso delle mani in modo sempre più complesso e specializzato. Lo strumento dovrebbe essere impugnato vicino alla punta, ma abbastanza lontano da consentire al bambino di vedere ciò che scrive. L opposizione di pollice e indice dirige lo strumento, mentre il medio lo sostiene lateralmente. 8 Per questo è importante dedicare il giusto spazio ad attività di manipolazione e percezione tattile, nonché all utilizzo di strumenti che richiedano prese di precisione, come il cucchiaio, le mollette, le forbici. Per quanto riguarda gli strumenti grafici, è importante far utilizzare al bambino strumenti differenti (pennello, gessetti, pastelli a cera, pastelli colorati e matite), in modo che possa sperimentare le varie sensazioni tattili e le differenze di pressione che richiede ciascuno strumento. Privilegiamo l uso dei pastelli rispetto a quello dei pennarelli, in quanto questi ultimi non consentono un adeguato controllo del gesto né lo sviluppo della muscolatura necessaria per una presa matura; i pastelli colorati, invece, generano attrito sul foglio, e questo permette al bambino di prendere coscienza della pressione da esercitare e di acquisire un maggior controllo del movimento grafico.

LACCETTO E CORDINA
LACCETTO E CORDINA
GUIDA PER L'INSEGNANTE