SCUOLA DINAMICA

Aiutami a fare da me I materiali per lo sviluppo sensoriale, oltre all isolamento della qualità, presentano le seguenti caratteristiche. Il controllo dell errore: questo permette ai bambini e alle bambine di constatare e controllare i propri errori, rimediando così a essi. Per esempio, i cubi della torre rosa guidano i bambini e le bambine nello svolgimento dell attività. La torre infatti rende impossibile collocare tutti i cubi erroneamente: quelli più piccoli non potrebbero mai stare sotto a quelli più grandi e così viene segnalato l errore compiuto, inducendo i bambini e le bambine a riprovare. I materiali hanno quindi insito il controllo dell errore. In questo modo gli alunni e le alunne, procedendo per tentativi ed errori, giungono a scoprire le differenze e le uguaglianze in maniera autonoma, sviluppando una notevole ducia in sé stessi. L estetica: tutti i materiali ideati da Maria Montessori sono attraenti. Il colore, la lucen- tezza, l armonia delle forme sono studiati in maniera da attirare i bambini e le bambine: i bei cubi rosa, le spolette colorate, «parlano agli alunni e alle alunne, li invitano a usarli e a fare in modo che possano scegliere il materiale più vicino alle proprie esigenze di sviluppo, autonomamente e in piena libertà. L attività: il materiale di sviluppo deve prestarsi all attività dei bambini e delle bambine. Af nché mantengano il proprio interesse, è necessario che questo gli dia la possibilità di agire, di esercitare la facoltà motrice. La bellezza è fondamentale, ma perché l interesse sia duraturo, è necessario che gli alunni e le alunne possano usare, spostare e ricollocare tutti i materiali liberamente scelti. I limiti: la quantità del materiale presente in sezione deve essere limitata, in quanto per rispondere alla necessità primaria dei bambini e delle bambine bisogna porre ordine nella mente. Tanti oggetti messi a disposizione degli alunni e delle alunne non favoriscono un maggiore apprendimento: la moltitudine disordinata è un ostacolo allo sviluppo. importante dare solo il necessario per rispondere in maniera mirata e completa alle necessità di crescita. 33

SCUOLA DINAMICA
SCUOLA DINAMICA
GUIDA VOLUME 3